Contest Poetico "Pennino d'Oro 2021": CRISTINA CAMPLONE


Cristina Camplone, da sempre appassionata di poesie, inizia a scrivere non molti anni fa, intorno al 2014.

Dapprima le sue creazioni restano in un cassetto, poi decide di proporle ad amici e parenti, anche auto-pubblicando due raccolte dal titolo “Oltre un pensiero” e “Le nuvole corrono”.

Nel frattempo partecipa a diversi concorsi, dove viene premiata nei primi tre posti e con attestati di merito o segnalazioni.


Da sempre attratta e sensibile a tutto ciò che la circonda, continuerà a scrivere sperando di infondere nei lettori le sue immagini e sensazioni.

Angeli in catena


Siamo angeli

in catena.

La terra scotta

i nostri piedi ancorati.

Quelle ali imprigionate

sanno di morte

che puntuale

poi arriva

sciogliendo ogni laccio

e liberando ogni fatica.

Se non fosse amore

a trattenerci il respiro

morirebbe ogni istante.

E quelle ali

non avrebbero poi

forza di farci volare.

Oltre la vita.


***


Ero io


Mi guardo

in quegli occhi

che sanno di buono,

lo sguardo sincero

di chi osa sognare.

Mi guardo stupita,

come vedere

un'estranea,

che viveva nel tempo

di risate affannate.

Non ricordo come ero.

E cerco

in quella piccola scatola

la persona nascosta

che aveva il mio nome.

Ero io.

Aspettavo

che un domani

me stessa

avrebbe ricordato

la bellezza che avevo.


***


Il mio dono


Ero pronta

a salvarmi.

Quando

mi hai insegnato

l'amore.

Che spacca

sconvolge

ma sostiene

ti accompagna.

Mi hai insegnato l'eterno

ogni istante perduto.

Quell'amore indicato

dai saggi esploratori.

Quel pensiero incarnato

pronto al sacrificio.

Ma non mi hai detto

che l'amore fa male.

Che

perduti i sogni

ti fa svegliare distratto,

senza appoggio alcuno.

Te lo regalo io

l'amore.

Quel mistero profondo

che manca ai tuoi occhi

ancora poco attenti.