ROSSELLA CARADONNA

CONTEST POETICO "PENNINO D'ORO 2021"

Rossella Caradonna è laureata in Lettere, artista a tutto tondo, si diletta nella scrittura e si occupa anche di moda e spettacolo.

Rossella è una autrice ed interprete di canzoni.

Vede la partecipazione a questo contest come un modo per potersi mettere in gioco e per rendere partecipi le altre persone della sua arte, e darle quindi valore.


"L'arte ci salva tutti i giorni in modi diversi", è uno slogan a lei molto caro.


POESIA


Rose selvatiche fiorite in primavera

Semplici come vestito contadino

Profumate come profumo lussuoso.

Ingannatrici per chi le vuole

Che’ nella loro maestà,

Nascondono armi aguzze e minacciose...

Spine protettrici

Tenute a guinzaglio da rami

Per paura di vederle cacciare con ferocia.

Piante di rose

Forse tristi nel loro stare ma

Belle nel loro essere...

Ode con petali grandi e candidi

Che conservano nel cuore del fiore

Chissà quanti altri segreti e

Misteri fantastici...


***

UNA CONCHIGLIA


Una conchiglia, solo una conchiglia;

Artefatta ma semplice,

Comune ma unica,

Insignificante ma piena di ricordi...

Una semplice conchiglia

Vuota di vita ma nello stesso tempo

Piena di essa,

Piena di tante, tante cose,

Tante emozioni, tanti ricordi che si accavallano, si disperdono

Nell’anima buia di questo oggetto.

Oggetto strani, losco, misterioso ma

Fantastico, straordinario quasi irreale.

Una conchiglia

Bella nel suo stare ma forse triste nel suo essere...

Una conchiglia, solo una conchiglia...

***


SOLE E LUNA


Nascente o calante?

Un buongiorno, una buonasera...

In un quadro, da dietro ad una finestra appannata.

Ecco che tutto comincia, ecco che tutto sta per finire, o per ricominciare, o per non spegnersi mai.

Lì davanti alle mie dita, in un quadro davanti ai miei occhi;

Dopo un caffè, da dietro una finestra appannata con lo sguardo ancora torbido.

E poi darsi il cambio,

Sempre allo stesso modo, mai in maniera uguale,

Come spiegarsi tutto ciò

Se non con un attimo di pace

Che arriverà anche questa volta,

Nell’ignoto andirivieni di mille stagioni che si susseguono

Fibrillanti

E magiche di nuove sensazioni e sensorialita’

Che solo chi saprà ascoltarle potrà capirle...

Notte e giorno, mattina e sera, alba e tramonto

Sole e Luna