VALERIA MILANA

CONTEST POETICO "PENNINO D'ORO 2021"


Valeria Milana nasce il 12/05/1994 a Palermo.


E' cresciuta fino ai 18 anni in Toscana, a Viareggio, per poi trasferirsi in Emilia-Romagna, intraprendendo uno stile di vita del tutto autonomo e indipendente, lavorando come cameriera/barista.


Ha terminato gli studi in Ragioneria e nutre la speranza di poter frequentare, in un futuro prossimo, l’università iscrivendosi alla facoltà di Scienze e Tecniche Psicologiche.


Nel 2020 ha pubblicato una raccolta di poesie dal nome “Silenzio D’ombra”.



Insomnia

E corrono all’impazzata

combustione sfrenata

giocoforza motore

che

visita di notte

la mente vagone

affollati pensieri.


***


Mia cara signora

Mia cara signora,

non mi stupiscono mica

le sue distanze,

quelle che ha preso

da me.

Che poi se ci penso,

mia cara signora,

io appartengo a posti lontani.


Sa,

ho tanti difetti io,

lo ammetto.

Ho il difetto di struggermi.

Ho il difetto di sapermi emozionare

commuovere, impressionare, toccare.

Ho il difetto di sapere di essere ferro

per gli altri

e

argilla per me stessa.


Però,

sappia una cosa,

mia cara signora:

io come l’argilla

riprendo sempre forma.


***


Cravatta alla gola

Sottovalutata

sia muscoli che pensieri,

futuro

senza sentieri.

Cortigiana da sempre

da chi vede

solo la veste.

Compagnia d’eccellenza

da sfoggiare

con tacchi e trucchi,

a macchiare

a denigrare

una pelle che

la natura ha creato

a immagine perfetta

della terra e il mare.

Onde destinate

a non salire

e animali

destinati a morire,

amputati

cavie dell’uomo

e poi soluzione

per debellare

l’estinzione.


Donna, io comprendo

La tua inadeguatezza

Sfiorata da tristezza.

E ti tocca soffrire

di questa maldicenza

che

una donna dopotutto

altro non è

che oggetto di eleganza

come circa

una cravatta.

Vorrei dirti da ultimo

che il mare

con un po' di vento nuovo

da dormiente che era

può diventare impetuoso.